Italiano Italiano

GIORGIO DE CESARIO

Giorgio De Cesario

Contattami   Segnalami ad amico


» Discipline:
sculture

installazioni

pittura contemporanea

Gallipoli (LE), IT

L'ARTE MATERICA DI GIORGIO DE CESARIO

== '''GIORGIO DE CESARIO''' (Matino (Le), 1 gennaio 1956) Ŕ un pittore, scultore e grafico italiano. == '''Biografia e attivitÓ artistica''' Nato in un paese del Salento leccese, cresce in un ambiente ricco di stimoli. Tra le esperienze giovanili la partecipazione a diversi concorsi grafico - pittorici durante gli anni dell'istituto d'arte e dell'accademia. Chiave di volta della sua carriera Ŕ l'opera pittorica ''Procreazione''(1986), che per prima diffonde nel panorama artistico italiano una nuova tecnica mista caratterizzata dall'uso dell'argilla sulla tela. Seguono altre opere come ''Il Manichino'' e ''Filosofia contadina'' con le quali l'artista comincia ad approfondire i temi della solitudine e della incomunicabilitÓ. Questi temi sono presenti anche nelle sue opere maggiori come, ad esempio, ''Donna allo specchio'', ''Sacro e Profano'', ''La Depressa'', ''Malinconoia'', ''Gli Anoressici'','' Sedotta e Abbandonata'', con le quali partecipa ad una mostra itinerante dal titolo ''Solitudini'' (partendo dalla sede dell'Associazione Soqquadro di Roma). Si succedono varie mostre sia collettive che personali, in Italia e all'estero, durante le quali ha l'occasione di conoscere grandi rappresentanti del minimalismo italiano come Salvatore Pepe, Letterio Consiglio, Raffaele Iannone e Luigi Cipparrone. Particolarmente stimolanti sono gli incontri con Giorgio Forattini, Mario Cassisa, Fernando De Filippi e i poeti Beppe Costa e Francesco Mandrino. Attualmente l'artista opera e risiede nella sua casa-museo La Casa degli Artisti a Gallipoli (Lecce).

» PROSSIME MOSTRE

Dal 24-04-2010 al 31-08-2010

LE ENIGMATICHE TRASFORMAZIONI FIGURALI DI GIORGIO DE CESARIO

» TESTI CRITICI

Giorgio De Cesario è un artista poliedrico che sfrutta al massimo le sue conoscenze nei vari campi in cui opera (architettura, arredamento, design, grafica, fotografia, pittura, scultura) per farne elemento fondante della


Vedi tutti i testi critici

Giorgio De Cesario è un artista poliedrico che sfrutta al massimo le sue conoscenze nei vari campi in cui opera
(architettura, arredamento, design, grafica, fotografia, pittura, scultura) per farne elemento fondante della sua
arte intesa come espressione pittorica, materica, decorativa, grafica.
Ogni sua opera è caratterizzata, infatti, dall'amalgama di elementi decorativi e grafici con elementi sculturei
rappresentati per lo più da volti in argilla di colore bianco, all'apparenza inespressivi, emaciati, corrosi
dal tempo, che balzano dalla tela sovrapposti su colli lunghi e lineari con l'orecchio ingentilito
da un orecchino che richiama la simbologia egiziana in cui quello destro riceve il soffio della vita
e il sinistro quello della morte.
Sono per lo più volti e corpi di donna, colti nella loro eroticità e nella loro quotidianità, che incarnano
l'attualità del nostro tempo, tasselli di una realtà vera e, nello stesso tempo, immaginaria che De Cesario
vive e si costruisce con intesità da ben oltre quindici anni.(E' il duale che traspare da tutte le opere).
Epoca in cui, abbandonati Caravaggio e Giorgione (i due artisti che hanno inizialmente influenzato la sua
pittura e di cui ancora si sente la presenza dell'utilizzo dei chiaro scuri)dà una svolta alla sua ricerca
con l'impiego di tecniche nuove e diverse con un'opera "La Procreazione" in cui il personaggio è un bambino
con il volto in rilievo,con una faccia amorfa, con il collo lungo in primo piano, che ha segnato l'abbandono
dei volti e delle donne stilizzate. Un'opera nata spontaneamente, senza alcun progetto alla base.
De Cesario, quasi in trance, guidato da una mano esterna, incomincia il suo cammino, con questo personaggio
dalla "faccia da morto" che va a "colpire" tutti i problemi fondamentali della nostra società.
Anche se i volti, i personaggi, a prima vista, non sono normali e sembrano non essere reali,
osservandoli attentamente si scopre che ogni volto ha la sua espressione in funzione dello scopo
per cui è nato e si ricollega con la realtà attraverso la ricerca dei colori che rimandano
all'impressionismo e all'espressionismo per collegarsi al romanticismo,mentre il sistema di
ricerca pittorico-decorativo e grafico richiama il dadaismo.
Ed anche se non emerge con chiarezza il legame con il cubismo la " donna dagli otto volti"
fa preludere ad una estensione anche in questo campo.
Non una pittura, quindi, fine a se stessa, ma la pittura che ci trasmette un messaggio che viene da lontano.
De Cesario, quando produce si apparta dal mondo per vivere nel suo mondo, in quel mondo che egli si è immaginato,
dove attorno ad un tavolo banchettano molte persone, che vivono da tantissimo tempo e che non hanno una
loro forza espressiva, che però viene data da lui. Praticamente de Cesario
é il burattinaio che muove i fili della loro storia. Sta facendo vivere questi personaggi. E non soltanto.
Li fa vivere con ironia, non con tragicità.

http://www.giorgiodecesario.it

http://www.lacasadegliartisti.it

» Torna a:  INSTALLAZIONI

Clicca sulle immagini per visualizzare la scheda dell'opera


» CONTENUTI EXTRA

Come posso aggiungere contenuti Extra al mio profilo ?

» COMMENTI

Effettua il LOGIN! il tuo profilo verra' allegato al commento

Non sono presenti commenti...

» OPERE AMICHE

 Effettua il LOGIN e ospita Opere di altri artisti per apprezzarne il valore e per favorire uno scambio di visibilitÓ

Non hai ancora nessuna opera amica

Semisolid.Net © 2006 - 2017 - Via Maceri, 34 - 47900 Rimini (Rn) - Tel. +39 3284916751 Fax +39 - - E-mail: lab@semisolid.net



Realizzazioni siti internet: TITANKA! S.p.a.