Italiano Italiano


Autore: MARIA ROSARIA RICCIO

MADRE

2008



» Media dei voti ricevuti

» Vota

La media voti è 3La media voti è 3La media voti è 3La media voti è 3La media voti è 3

Voti ricevuti 276

Puoi esprimere un solo voto per ciascuna opera

Punteggio 1 su 5  Punteggio 2 su 5Punteggio 2 su 5  Punteggio 3 su 5Punteggio 3 su 5Punteggio 3 su 5  Punteggio 4 su 5Punteggio 4 su 5Punteggio 4 su 5Punteggio 4 su 5  Punteggio 5 su 5Punteggio 5 su 5Punteggio 5 su 5Punteggio 5 su 5Punteggio 5 su 5

Lo so,
come allora
tu sarai timida e schiva .

Ma la tua musica ora ,
musica d\' anima e cuore,
avrà trovato spazio
finalmente
nell’infinito distendersi dei cieli

Ora come allora
Sento il tuo violino
Le note vibrano
E sei tu, sola,
in un angolo appartata,
tutta rapita e assorta,

tanto che neppure ti accorgi
della luce che illumina il tuo volto,
degli angeli abbracciati dietro te
che ti ascoltano,
ad occhi chiusi,
in silenzio.



Semisolid.Net © 2006 - 2017 - Via Maceri, 34 - 47900 Rimini (Rn) - Tel. +39 3284916751 Fax +39 - - E-mail: lab@semisolid.net



Realizzazioni siti internet: TITANKA! S.p.a.